AutismAbility: come un progetto con i tappeti elastici può aiutare persone con autismo

AutismAbility: come un progetto con i tappeti elastici può aiutare persone con autismo

AutismAbility è un progetto finanziato dalla fondazione sportiva nazionale inglese, che coinvolge adulti affetti da autismo a partecipare a corsi di ginnastica e di salti sul tappeto elastico. Alex Hardy ci parla della sua esperienza col programma.

Ciao, puoi raccontare ai lettori di Disability Horizons qualcosa su di te?
Mi chiamo Alex ed ho 25 anni.
Sono autistico e frequento i centri diurni della Wirral Autistic Society dal 2010.
Frequentare i centri diurni è per me una routine importante perché mi dà l’opportunità di incontrare persone nuove e provare nuove attività. Io ho un buon senso dell’humour e mi piace chiaccherare.
Amo anche i cani, ne ho uno chiamato Shankly.

Quando hai incominciato ad interessarti di salti sul tappeto elastico?
Non facevo salti sul tappeto elastico da quando avevo 8 anni; ad un tratto è venuto fuori questo progetto che mi ha dato l’opportunità di riprovarci.
AutismAbility è un progetto finanziato dalla Società Sportiva Nazionale Inglese, grazie al quale, ora 70 adulti affetti da autismo possono fare ginnastica al centro sportivo di Birkenhead.

Cosa ti piace di più del salto sui tappeti elastici?
Il salto dà una ragione alla mia routine.
Inoltre dal momento che non lo facevo da troppo tempo è enormemente piacevole rivisitare un’attività della mia infanzia.
La mia attività preferita è la Seat Drop, cioè il rimbalzo da seduti a in piedi e viceversa… la trovo divertente!

Come pensi che ciò abbia cambiato la tua vita?
Mi ha dato più fiducia in me stesso e un motivo in più per alzarmi al mattino.
Inoltre mi allontana dalla depressione di cui ho sofferto parecchio in passato.

Quali altre attività sportive pratichi oltre al trampolino?
Mi piace camminare, fare football, badminton, nuoto, freccette e canottaggio.
Sono particolarmente orgoglioso per aver vinto il premio come timoniere di canottaggio.
Mi piace anche fare campeggio. Una volta la mia squadra mi ha aiutato a montare la tenda e io ho cucinato per loro gli spaghetti.

Se avessi l’opportunità di esibirti in qualcosa di fronte alla tua star preferita di fronte a chi lo faresti e perché?
Sicuramente mi piacerebbe fare la Seat Drop di fronte a Ronnie Barker, perché amo guardarlo e mi fa ridere. Ha un talento naturale per la commedia.

Cosa include la tua sessione di allenamento?
La sessione include riscaldamento, stretching e rimbalzo veloce.

Se qualcuno vuole prendere parte al programma come può iscriversi?
Il programma AutismAbility è gestito dalla Wirral Autistic Society che è un’organizzazione che offre servizi di supporto alle persone affette da autismo e ai loro familiari. Oltre al trampolino il centro offre corsi di equitazione, di arrampicata sportiva e lezioni di nuoto. Occorre contattare la società per maggiori dettagli, oppure visitare il Drill Grange Road West Sports Centre dove si effettuano le sessioni di trampolino.

Quali sono i tuoi obiettivi e aspirazioni per il futuro?
I miei obiettivi sono continuare a fare le attività che mi piacciono, come il salto sul tappeto elastico; desidero migliorare la mia forma fisica e stare bene.
Mi piacerebbe anche vincere il premio Duca di Edinburgo o il premio John Muir. I premi mi fanno felice. Non riesco a non parlarne.

Intervista di Zubee, editata da Shannon Kelly

Ti è piaciuto questo articolo? Perchè non lo leggi anche in lingua originale? 😉

Hai visto un articolo particolarmente interessante, ma non è tradotto? Contattami a elena@disabilityhorizons.com e cercherò di farlo al più presto.

Restiamo in contatto! Puoi scriverci su Facebook, twittarci su @DHorizons, mandarci una mail a elena@disabilityhorizons.com oppure lascia un commento qui sotto.

You might also like

Stile di vita 0 Comments

iDID Adventure: sport estremi con una disabilità

Susanne Rees, fondatrice di iDID Adventure, condivide la sue esperienze nel fare i conti con una disabilità acquisita e abbattendo le barriere per migliorare la salute ed il benessere tra

Stile di vita 0 Comments

Sky high and in control: pilotare senza braccia

Jessica Cox detiene il Guinness World Record per essere la prima persona senza braccia nella storia dell’aviazione ad ottenere il brevetto di pilota. Lei considera la sua disabilità come una

Basket in carrozzina: hai mai pensato di fare un tentativo?

Tom Masterson ha praticato il basket in carrozzina sin dal 1986 ed ora è l’allenatore capo dei Warwickshire Bears. Qui parla del suo amore per lo sport e del perché