“Undressing Disability”: la disabilità messa a nudo in una campagna per celebrare la bellezza di ogni corpo

“Undressing Disability”: la disabilità messa a nudo in una campagna per celebrare la bellezza di ogni corpo

Enhance the UK è una piccola organizzazione volta a garantire la presenza di eguali opportunità per persone con disabilità e affette da menomazioni sensoriali, impegnata nella sensibilizzazione della tematica della disabilità, anche tramite risorse online. Recentemente hanno condotto una campagna di successo chiamata “Undressing Disability”.

Le immagini presenti nel nostro calendario del 2014 di “Undressing Disability” non sono immagini propriamente “comuni”. Qui i nostri modelli disabili sono tutti sorridenti o imbronciati mentre si rilassano godendosi alcune tra le attrattive storiche della città di Londra. Che stiano navigando sul Tamigi di fronte al Tower Bridge o che stiano sfrecciando in taxi oltre il London Eye, sono tutti messi a loro agio mentre indossano nient’altro che biancheria intima.

Purtroppo non è una cosa che vediamo sui media ogni giorno. Ma è proprio questo il nostro obiettivo: ribaltare i giudizi comuni nei confronti delle persone con disabilità. La nostra campagna celebra la bellezza delle varie differenze presenti nei corpi delle persone con disabilità, cercando di trovare qualcosa che possa essere visto ogni giorno.

È la vostra ultima possibilità per ottenere un calendario di Enhance the UK: i calendari sono gratuiti ma è richiesta una donazione di £ 6,00 per finanziare il nostro progetto inclusivo relativo all’educazione sessuale ed affettiva (SRE), in collaborazione con Brook, uno dei principali provider della salute sessuale.

undressing-disability-calendar-20141Il nostro progetto parte dalla convinzione, spesso troppo presente, che le persone con disabilità debbano vergognarsi del proprio corpo e che non possano quindi vivere un rapporto sessuale soddisfacente.

È vero l’esatto opposto: certo, spesso sono ignorati i bisogni delle persone con disabilità né tanto meno si sa come funziona il loro corpo, pertanto esse stesse non vengono sufficientemente educate riguardo alla gravidanza e alle malattie sessualmente trasmissibili nello stesso modo in cui vengono educate le loro controparti normodotate. Questo li mette così in una posizione estremamente vulnerabile e, a causa della loro disabilità, si trovano a dover rispondere a molte più domandi inerenti alla sfera sessuale.

Non è possibile che, per quanto riguarda l’educazione sessuale, le disabilità fisiche e quelle di apprendimento siano messe nello stesso calderone, quando in realtà entrambe richiedono e meritano attenzioni diverse e specifiche.

Undressing-disability-Enhance-UKJennie Williams, fondatrice e direttrice di Enhance the UK, si stupì molto quando scoprì che un suo caro amico, in carrozzina, sapeva poco o niente sul sesso. Così ha detto: “Riguardo a tutte le altre cose, ha un’ampia cultura. Ma quando si parla di sesso e di cosa sia giusto o sbagliato, non sapeva nulla perché non lo ha mai potuto sperimentare ed inoltre nessuno glielo ha mai insegnato.”

Il nostro sondaggio sull’educazione al sesso e alla disabilità nelle scuole ha mostrato che il 100% delle persone riteneva che l’educazione sessuale non dovesse prendere in considerazione la loro disabilità, mentre il 69% riteneva che dovesse prenderla. Per raggiungere i risultati da noi sperati, lavoreremo a fondo con giovani con disabilità e educatori sessuali per fornire efficaci risorse che potranno essere usate continuamente e dovunque. I nostri partner di Brook vantano oltre cinquant’anni di esperienza di educazione alla sessualità di giovani con disabilità, e quindi l’idea di unirli ai nostri esperti appare molto buona.

Undressing-disabilityCi stiamo imbarcando, inoltre, in un altro progetto basato sul messaggio del calendario e che ci era stato originariamente proposto da un collegio femminile che ci aveva suggerito di introdurre un laboratorio sull’immagine del corpo, con un focus sulla disabilità: l’obiettivo sarà quello di dimostrare come non occorra una particolare forza d’animo per condurre una vita che sia soddisfacente. Il corso sarà anche incentrato sulle diete e sugli esercizi corretti per combattere i disordini alimentari e sulla figura della donna: sarà presentato da esempi reali di persone che dimostreranno come si possa avere una disabilità, essere sposati e fare il lavoro dei propri sogni.

È significativo il fatto che fino ad adesso la disabilità legata alla sessualità sia stata messa da parte dai principali organi divulgativi, ma noi siamo intenzionati a cambiare questa mentalità. Perché nessuno deve sentirsi inferiore a causa del proprio corpo.

Supporta Undressing Disability per cambiare la mentalità delle persone. I calendari sono disponibili per un limitato periodo di tempo solo su enhancetheuk.org.

Versione originale di Arabella Hoy, traduzione di Silvia Lisena

Ti è piaciuto questo articolo? Perchè non lo leggi anche in lingua originale? 😉

Hai visto un articolo particolarmente interessante, ma non è tradotto? Contattami a elena@disabilityhorizons.com e cercherò di farlo al più presto.

Restiamo in contatto! Puoi scriverci su Facebook, twittarci su @DHorizons, mandarci una mail a elena@disabilityhorizons.com oppure lascia un commento qui sotto.

You might also like

Stile di vita 0 Comments

10 ragioni per amare la propria disabilità

I commenti negativi sulla disabilità sono fin troppo comuni. Così abbiamo deciso di ribaltare questa argomentazione chiedendo a una delle nostre affezionate scrittrici, Lorraine Howard, che soffre di Atrofia Muscolare

Stile di vita 0 Comments

La verità sull’essere disabili… o come ci si sente ad essere un outsider

Il seguente articolo è un estratto del libro di George Baker “The Adversity Edge: Ovvero Come Ottenere La Vita Dei Tuoi Sogni Trasformando La Merda In Zucchero..” . Sai come

Stile di vita 0 Comments

La disabilità può essere un regalo

Faiza Siddiqui, che ha recentemente scritto l’articolo “La mia vita sessuale dopo l’infortunio“, ci spiega come, secondo lei, la disabilità può essere una condizione sia negativa che positiva. “I lobi