Vacanze invernali: le 4 mete più accessibili nel mondo

Vacanze invernali: le 4 mete più accessibili nel mondo

Organizzare una vacanza invernale è sempre molto divertente, anzi lo è fino a quando ti rendi conto che la destinazione che hai prenotato non è poi così accessibile come pensavi.

Diamo un po’ di suggerimenti che possono esserti d’aiuto.

Di seguito infatti ti farò conoscere alcune delle mete migliori per le vacanze invernali.

In questi luoghi di vacanza, l’attenzione è rivolta all’accessibilità sia della destinazione principale, sia dei dintorni.

Eccoli qui, elencati:

  1. Vancouver, BC

Questa città è impegnata ad eliminare tutti quegli ostacoli che impediscono alle persone su sedia a ruote di godere appieno di tutto ciò che essa può offrire.

Alcune delle migliori caratteristiche includono rampe lungo i marciapiedi, strisce pedonali con segnali sonori, miglioramenti dei mezzi pubblici.

Lungo tutta la costa, puoi trovare fantastici Hotel e ristoranti raffinati, facilmente raggiungibili utilizzando gli autobus o se preferisci, i taxi, tutti completamente accessibili.

Costante attenzione è posta anche a garantire l’accessibilità dei vari parchi cittadini e delle altre attività ricreative.

Ci sono fantastiche piste per praticare o provare lo snowboard e lo sci, inoltre Vancouver ha un incredibile programma di sport invernali rivolto a tutti, studiato e strutturato per varie abilità.

Se tutto questo ti invoglia e ti sembra divertente scopri Vancouver Adaptive Snow Sports.

———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- —-

  1. Vienna, Austria

E’ una meta da sogno dove trascorrere le tue vacanze invernali: i luoghi, I suoni e gli odori sono decisamente inebrianti.

Se stai pensando, però, che le strade acciottolate siano difficili da percorrere, ti sbagli.

La maggior parte delle strade è molto più accessibile rispetto a quelle italiane o francesi, grazie ai ciottoli molto più lisci.

Anche se hai una carrozzina elettrica spostarsi sarà un gioco da ragazzi.

La caratteristica di Vienna è che il centro della città è tutta un’area pedonale, senza marciapiedi o fastidiosi cordoli da attraversare..

Potrai goderti la passeggiata e scattare belle fotografie delle famose cattedrali e della celebre architettura Austriaca.

Per trovare un tram totalmente accessibile, è necessario avere un po’ di pazienza, infatti se la vettura che arriva non soddisfa le tue necessità, sicuramente la successiva sarà di nuova generazione e dotata di pedana elevatrice.

Anche i taxi e gli alberghi sono abbastanza accessibili.

L’unico problema in cui si potrebbe incorrere è nell’accessibilità di alcuni ristoranti.

Alcuni di essi infatti, hanno mantenuto l’ubicazione originaria all’interno di edifici antichi.

Tuttavia, con un po’ di creatività scoprirai che la gente di Vienna è estremamente accomodante.

Le persone, i luoghi e l‘accessibilità rendono Vienna uno delle mete migliori per le vacanze invernali.

———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- —-

  1. Utah, Stati Uniti

Se vuoi sciare devi andare nello Utah. È la soluzione migliore per una vacanza sugli sci.

Lo Utah viene considerato uno dei primi posti nel mondo quando si tratta di destinazioni per lo sci accessibile.

Questo è parzialmente dovuto all’Americans with Disabilities Act, ma principalmente al fatto che l’attenzione è rivolta al singolo individuo.

Qui tutto, dall’aeroporto alle piste da sci, si rivolge ai portatori di handicap .

Se stai cercando un’esperienza invernale, contatta il National Ability Center a Park City, nello Utah specializzato in programmi sportivi e ricreativi accessibili.

Sicuramente vi aiuteranno a trovare il vostro sport invernale ideale sia esso lo snowboard o qualsiasi altra attività.

———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- —-

  1. Harbin, Cina

Questa è la città più grande della provincia, ed è famosa per organizzare l’annuale Ice Festival dove centinaia di sculture di ghiaccio si illuminano dando al luogo un bagliore festivo.

Migliaia di persone partecipano a questo Festival che è a dir poco spettacolare, che sicuramente merita un visita!

Ti do due consigli prima che tu parta per questa meta: prenota il viaggio i primi di Febbraio, poiché il ghiaccio inizierà a sciogliersi nelle settimane successive e questo renderà più difficile l‘accessibilità.

Inoltre, bisogna portare la tua sedia a rotelle, in quanto non è possibile affittarne sul posto.

Oltre al suggestivo Ice Festival che veramente un evento unico e senza paragoni in tutto il mondo, la città offre ottimi ristoranti e sistemazioni alberghiere con un’ ampia gamma di camere accessibili.

Queste località’ sparse in tutto il mondo, sono uniche con la loro atmosfera e le varie attrazioni, tutte Weelchair friendly’ offrono tante attività e divertimento.

Cosa vuoi di meglio da questi lunghi e freddi mesi invernali?

Di Cory Lee

Traduzione: Carla Santoro

Abbiamo un gruppo Facebook! Iscriviti ORA per entrare a far parte della community di Disability Horizons Italia!

Ti è piaciuto questo articolo? Perché non lo leggi anche in lingua originale? 😉

Hai visto un articolo particolarmente interessante, ma non è tradotto? Contattami a elena@disabilityhorizons.com e cercherò di farlo al più presto.

You might also like

Viaggi 0 Comments

Europa senza barriere: turismo accessibile in azione

Il co-editor Martyn Sibley ci racconta la sua esperienza all’indomani di un viaggio in giro per varie città europee. Nel giugno 2014 Ivor Ambrose del Network Europeo per il Turismo

Viaggi 0 Comments

Annunciamo: La Settimana dell’Accessibilità in Viaggio + 5 consigli utili per progettare la vacanza più accessibile di tutta la tua vita vita

Benvenuto a “La Settimana dell’Accessibilità in Viaggio”, una campagna di sensibilizzazione annuale per contribuire all’apertura di una discussione sulle difficoltà dell’accessibilità in viaggio. Con l’utilizzo di divertenti ed educativi video,

Viaggi 0 Comments

La Finlandia è accessibile se sei disabile?

Avete mai pensato di vivere un’avventura in Scandinavia? Il co-fondatore di Disability Horizons Martyn Sibley è qui per raccontarci del suo viaggio in Finlandia, dal sopravvivere a – 32°C agli