Disabilità, sessualità e relazioni: parlando di omosessualità e kink

Disabilità, sessualità e relazioni: parlando di omosessualità e kink

Per la nostra rubrica di disabilità, sessualità e relazioni, zia Tuppy (che gestisce Outsiders – un club privato per persone con disabilità in cerca di una relazione) risponde alle vostre domande: questa settimana parla di omosessualità e kink.

#DHgurus

Cara zia Tuppy,

Recentemente ho scoperto di essere gay e sto pensando al modo in cui dirlo ai miei genitori, che si preoccupano per me e che seguono un credo religioso contrario alle relazioni omosessuali. Penso che mi accetterebbero perché mi vogliono bene. Mi sento male al solo pensiero – sono stati così bravi con me per tutti questi anni e io non vorrei ancora dar loro una tale delusione. Di sicuro non ho intenzione di comunicare loro che penso anche di essere un po’ kink.

Quindi avrei bisogno di trovare un modo per conoscere altri uomini kink e gay – e un modo per abbandonare il nido familiare e intraprendere delle relazioni. Ti ringrazio per i consigli.

Ray (paralisi cerebrale)

———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- ———- —-

Caro Ray,

Apprezzo la tua buona volontà e non posso che incoraggiarti.
Ti indicherei il forum LGBT a cui chiedere supporto per questa situazione, perché è sempre un sollievo trovare persone che hanno affrontato la tua stessa situazione. Puoi trovare il loro recapito telefonico e email selezionando “LGBT” e la tua città nel motore di ricerca.

Di’ ai tuoi genitori come ti senti, proprio come lo hai detto a me, così capiranno che ti dispiace dar loro questa difficile notizia ma che è meglio che tu sia onesto perché vuoi loro bene. Spiega che vuoi andartene, confidando nel loro supporto, decidendo se ti conviene stare in un quartiere vicino o trasferirti in sobborghi gay come Manchester, Brighton o Londra.

Quando te ne andrai, sarebbe meglio che tu avessi al massimo un assistente personale che è gay, il che sarebbe un gran vantaggio (soprattutto se avesse la patente) perché potrebbe portarti nei locali gay o agli appuntamenti o aiutare a prepararti.

Potresti preoccuparti di essere kink ma molti uomini gay con disabilità lo sono e quindi risulta più facile trovare partner che hanno preferenze particolari.

Gli uomini gay sono molto meglio degli etero ad esprimere chiaramente le loro esigenze sessuali. Ci sono gruppi kink e di disabili su Gayradar e Fetlife ed anche l’Outsiders Club è pieno di gay kink. Di seguito sono indicati i siti di alcuni specialisti kink gay.
Di solito, le persone nei club fetish accolgono più volentieri le persone disabili perché vi è una stigmatizzazione generale.

Non mi hai detto dove vivi, ma Londra dispone di un gruppo MeetUp per gay e disabili, e né mi hai descritto il tipo di partner che stai cercando, ma ti sarà utile leggere il libro “Queer Crips – Disabled Gay Men and their Stories”, edito da Bob Guter e John R. Killacky: l’ultimo capitolo è scritto da Bob ed è molto toccante perché descrive il suo terrore di confrontarsi con altri uomini con disabilità in quanto in essi si rifletteva, ma poi realizzò di doversi accettare per poter accettare anche loro. Iniziò a curare il sito “Bent, a Journal of crip gay voices”.

Un altro mio eroe gay è il canadese Andrew Morrison-Gurza che recentemente ha dato origine ad un movimento chiamato “Deliciously Disabled”: il gruppo MeetUp di Londra ha adottato la sua filosofia.

Se ti stai chiedendo se sarai in grado di mettere in pratica le tecniche kink, potrebbe essere una buona idea rivolgersi ad uno specialista che ti aiuterebbe a trovare metodi per farlo – o ti inviterebbe a provare con un partner.
Quando inizi una conversazione online, descrivi i tuoi gusti sessuali – la cosa bella di essere kink è che le persone sono felici di trovare qualcuno che ha gusti compatibili ai loro. Se entrambi siete in sintonia, passate il prima possibile alla conversazione via telefono o faccia a faccia piuttosto che flirtare online, così scoprirete se c’è davvero feeling. Organizza il vostro primo incontro in un luogo neutro come un bar in città e fai sapere ad un tuo amico dove stai andando e a che ora ritornerai.

Ricordati di portare i preservativi ovunque tu vada: il mio motto per un rapporto sessuale più sicuro è “su di me, non dentro di me”, perché i preservativi possono facilmente sfilarsi se non stai attento. La maggior parte dei rapporti kink sono sicuri e prevedono la masturbazione o comunque l’uso delle mani.

Di seguito alcuni siti utili:  Men Tonight, Man Crunch, Gay Fetish Dating, Recon, Gear Fetish, Club Collared.
Spero di vederti presto ad Outsiders. Buona fortuna!

Di Tuppy Owens

Traduzione: Silvia Lisena

Abbiamo una pagina Facebook! Metti mi piace per entrare subito a far parte della community di Disability Horizons Italia!

Ti è piaciuto questo articolo? Perché non lo leggi anche in lingua originale? 😉

Hai visto un articolo particolarmente interessante, ma non è tradotto? Oppure ti piacerebbe collaborare con noi? O per qualsiasi altra cosa, contattami a elena@disabilityhorizons.com e cercherò di farlo al più presto.

You might also like

Sessualità & Relazioni 0 Comments

Sesso e disabilità: gestire l’incontinenza

Per la rubrica sul sesso e disabilità, la nostra esperta curatrice Tuppy, che gestisce Outsiders, un club privato per disabili in cerca di una relazione, risponde alle vostre domande. Questa

Sessualità & Relazioni 0 Comments

Autoerotismo: è un bisogno di tutt*

Il gruppo Jump LGBTI, è il primo gruppo in Italia di persone con disabilità che si occupa di sensibilizzare sulle tematiche relative all’identità LGBTI di chi ha una disabilità. Con

Sessualità & Relazioni 0 Comments

Disabilità e sesso: guida per principianti per una vita sessuale più avventurosa

Nella nostra serie di articoli su incontri, relazioni, amore e sesso, Mik Scarlet esplora il modo di rendere la propria vita sessuale più avventurosa, sia che si abbia una disabilità