AbilityNet: rendere la tecnologia accessibile a tutti

AbilityNet: rendere la tecnologia accessibile a tutti

La tecnologia accessibile sta giocondo un ruolo importante nel rendere più facile la vita delle persone disabili. Per conoscere le innovazioni tecnologiche per le persone disabili ogni anno AbilityNet premia le invenzioni più recenti che stanno facendo la differenza. In attesa dei premi di quest’anno guardiamo indietro ai vincitori degli ultimi anni ed alla tecnologia che potrebbe aiutarvi.

Che la amiate o che la odiate, la tecnologia fa parte della vita di tutti i giorni. Perciò molto di ciò che facciamo nell’era digitale comporta l’interazione con la tecnologia, che si tratti di operazioni bancarie, acquistare biglietti di viaggio, inviare email o comunicare con amici e familiari.

Nonostante le nostre frustrazioni per la banda larga lenta o per il crash di siti web, la tecnologia generalmente è vista come una cosa positiva. Ma per le persone disabili la tecnologia può fare ancora di più- può trasformare la vita quotidiana e creare nuove opportunità di lavoro, comunicazione e viaggi. Ma solo se la tecnologia è accessibile a tutti.

Tecnologia accessibile una volta per tutte

Il problema è che non tutta la tecnologa è progettata per essere compresa o accessibile. Quindi, per celebrare quelle organizzazioni e quegli individui che vanno al di là del progetto tecnologico che ha un impatto positivo, noi di AbilityNet abbiamo istituito il premio Tech4Good sei anni fa.

I premi sono indirizzati ad organizzazioni ed individui che usano la tecnologa digitale per rendere il mondo un posto migliore. Sono gli unici premi che mettono in luce il gran numero di enti di beneficenza, di aziende e di volontari in tutto il Regno Unito che sfruttano il potere della tecnologia a vantaggio della comunità.

L’iscrizione è gratuita ed aperta a qualsiasi ente benefico, azienda, individuo, impresa sociale, scuola, college, università o qualsiasi altro ente pubblico con sede nel Regno Unito e ci sono sette categorie tra cui scegliere. Queste includono Competenze Digitali, Sicurezza Digitale e Impatto sulla Comunità.

La diversità degli ultimi tre vincitori del premio per la categoria dell’Accessibilità mostra la grande varietà in cui la tecnologia può essere utilizzata per migliorare la vita delle persone disabili.

Vincitore del premio Accessibilità 2014: SpecialEffect

Accessible-video-games-with-SpecialEffectAiutare chiunque a godersi i computer game

SpecialEffect unisce numerose tecnologie per permettere a chiunque, nonostante la propria disabilità fisica, di godersi i videogame e la tecnologia nel tempo libero.

Lo fa utilizzando tutta una serie di tecnologie, dai joypad modificati al controllo visivo, per migliorare la qualità di vita delle persone con tutti i tipi di esigenze.

Ma non è tutto finalizzato al divertimento. SpecialEffect crede che dando alle persone gli strumenti per partecipare queste daranno impulso alla riabilitazione, all’autostima e soprattutto all’integrazione.

Visita il sito web di SpecialEffect per saperne di più.

Vincitore del premio Accessibilità 2015: Open Bionics

Usare la tecnologia per creare gli arti con stampe 3D a prezzi convenienti e accessibili

Open Bionics ha rivoluzionato l’assistenza sanitaria usando scanner 3D e stampanti 3D per tagliare drasticamente i costi per coloro che indossano protesi robotiche su arti amputati.

Gli arti bionici possono costare qualcosa come £20,000 – £80,000 e possono occorrere fino a tre mesi per realizzarli. Open Bionics offre una mano bionica a £1,000 e, utilizzando la scansione, modellazione e stampa 3D, può essere realizzata in soli cinque giorni.

Una start-up di sole quattro persone di 23 e 24 anni, Open Bionics è mossa dalla volontà di realizzare e vedere un cambiamento sociale. Lavorando a stretto contatto con persone con mani amputate il team ha creato una mano bionica leggera, economica, funzionale ed elegante- una persona amputata è felice di indossarla. L’uso della tecnologia non solo fa in modo che la vita quotidiana delle persone cambi, ma le aiuta anche a tornare nel mondo del lavoro dando loro maggior indipendenza e libertà.

Visitate il sito web di Open Bionics per saperne di più.

Vincitore del premio Accessibilità 2013: Barclays

Usare la tecnologia per eseguire operazioni bancarie più accessibili a persone non vedenti o ipovedenti

Barclays è stata la prima banca del Regno Unito a rispondere alla campagna Making Money Talk dell’ RNIB che ha evidenziato il fatto che meno di 70 su 64,000 sportelli bancomat nel Regno Unito disponeva di funzioni audio. Questa funzione consente ai clienti di rispondere alle istruzioni audio tramite un paio di cuffie collegate allo sportello del bancomat.

La banca ha aggiornato più di 3,500 sportelli bancomat in tutto il Regno Unito ed ha rilasciato delle High Visibility Cards per aiutare i clienti ad usare le loro carte nel bancomat e ha emesso dispositivi con chip e pin. Il loro gesto ha dato il via a risposte simili da parte di altre banche e apporterà benefici a migliaia di persone.

Per saperne di più su AbilityNet e sul premio Tech4Good visitate il sito web di Tech4Good.

Di AbilityNet

Traduzione: Giovanna Greco

Abbiamo una pagina Facebook! Metti mi piace per entrare subito a far parte della community di Disability Horizons Italia!

Hai visto un articolo particolarmente interessante, ma non è tradotto? Oppure ti piacerebbe collaborare con noi? O per qualsiasi altra cosa, contattami a elena@disabilityhorizons.com e cercherò di farlo al più presto.

Ti è piaciuto questo articolo? Perché non lo leggi anche in lingua originale? 😉

You might also like

Tecnologia 0 Comments

Disabilità e gadgets: applicazioni e tecnologie che migliorano l’autonomia

Robert Wemyss è il guru Internazionale del RUS, Really Useful Stuff. La RUS è felice di collaborare con Disability Horizons, per offrire mensilmente una panoramica sulle innovazioni tecnologiche e i

Stile di vita 0 Comments

Disabilità ed intrattenimento: il mondo accessibile dei videogiochi

L’accanito giocatore Vivek, che ha la Distrofia Muscolare di Duchenne, condivide i suoi pensieri sull’accessibilità del mondo dei videogiochi, tra cui ciò che le aziende di giochi hanno bisogno di